Nei supermercati Poli i prodotti del contadino

postato in: Buone pratiche, Punti vendita | 0

Al supermercato i prodotti del territorio, acquistati direttamente dal contadino. Impensabile? No. Succede nei supermercati del Gruppo Poli, che su quest’azione ha deciso di investire parecchio, anche in termini di comunicazione.

“Abbiamo deciso di cogliere questa opportunità – spiegano dal Gruppo Poli – e creare, all’interno dei nostri negozi, un corner dedicato ai prodotti ortofrutticoli a km zero: verdura e frutta di ottima qualità cresciuta nella nostra terra seguendo il ciclo naturale delle stagioni”.

I contadini che fin dall’inizio ci hanno messo la faccia – letteralmente, visto che le loro foto sovrastano i corner coi loro prodotti – sono Ferruccio Margoni e Alberto Comai, agricoltori della Valle dei Laghi; Italo Giuliani; i contadini associati al consorzio Val di Gresta e Ivan Ghezzi di Riva del Garda.

I prodotti del contadino (1)

Ma non si è sempre detto che il prodotto del contadino locale al supermercato non poteva entrare perché la fornitura non è costante nel tempo? A quanto pare non è più così. Basta volerlo, e gli ostacoli si superano.

“Abbiamo cercato di misurare la loro capacità agricola, stimando le quantità necessarie per garantire un’offerta attrattiva. Abbiamo analizzato insieme gli aspetti logistici e di fornitura per trovare la soluzione migliore per tutti”.

Ma come funziona?

“Il coinvolgimento dei contadini inizia fin dalla programmazione della semina. La definizione dei prodotti è “di massima”, dato che poi il contadino opera in libertà, sulla base della propria esperienza, potenzialità e peculiarità del territorio. Quando il prodotto è pronto per essere raccolto, l’agricoltore comunica le quantità disponibili e si dà inizio ai rifornimenti ed i prodotti vengono infine distribuiti ai negozi in base alla richiesta di ciascuno di essi”.

Poli_Supermercati

Il progetto è in forte sviluppo. Partito nel 2013 con circa 39 referenze pari a 80 tonnellate di immesso nei negozi e circa 90.000 euro di fatturato nella fase di lancio, è arrivato nel 2015 a numeri molto maggiori, di tutto rispetto:

  • 60 referenze trattate
  • 33 produttori (29 in provincia di Trento e 4 in provincia di Bolzano)
  • 40 punti vendita (28 in provincia di Trento e 12 in provincia di Bolzano)
  • 577 tonnellate di prodotto immesso
  • 450 mila euro di fatturato

L’investimento in termini di comunicazione è stato importante. “Abbiamo studiato un apposito stand da esporre in negozio cercando di valorizzare il più possibile il prodotto e gli spazi, e abbiamo formato il personale per rendere il migliore servizio al cliente”. Che non ha tardato a rispondere positivamente. “Abbiamo riscontrato grande interesse e apprezzamento dei prodotti e gradimento dei prezzi, mantenuti in linea con le altre proposte di reparto”

I prodotti del contadino (2)

Segno dei tempi: la grande distribuzione non si può più permettere d’ignorare la forte domanda di prodotti locali che viene dal consumatore. Il vento del km zero soffia finalmente anche al supermercato.

Ti interessa rimanere aggiornato sugli ecoacquisti in Trentino?
Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri 986 iscritti.

Lascia un commento